Miglior Mutuo Prima Casa: Calo di Domande ad Aprile

Il 2017 conferma gli ottimi volumi raggiunti dalla domanda di chi vuole stipulare un mutuo prima casa.

Questo perché i tassi mutui continuano ad essere bassi e dovrebbero mantenersi su bassi livelli ancora a lungo.

Ciononostante, ad aprile si è registrata una discesa delle domande mutuo del 16,1% rispetto allo stesso periodo del 2016.

Domande mutuo prima casa: i perchè del calo di aprile

A rilevare la battuta d’arresto delle domande mutuo prima casa è il Sistema di Informazioni Creditizie di CRIF (Centrale Rischi Finanziari).

Una diminuzione così spiegata da Simone Capecchi, Executive Director di CRIF.

«È plausibile – dice – che il calo delle richieste possa essere dovuto anche alle numerose festività e ai ponti in calendario».

«In tale contesto – continua – gli istituti dovranno continuare a sostenere il comparto segmentando i clienti e applicando politiche di Risk Based Pricing per sfruttare al meglio il momento storico, caratterizzato dai più bassi livelli di rischiosità degli ultimi anni».

La flessione delle domande mutuo porta l’aggregato dei primi quattro mesi del 2017 a perdere il 3,6% sullo stesso quadrimestre del 2016.

Rispetto al 2015 la variazione è invece ampiamente positiva, +19,5%.

Mutuo prima casa: ci sono anche buone notizie

Tuttavia il mese di aprile riserva anche buone notizie.

Prosegue infatti il trend di crescita dell’importo mutuo medio richiesto.

La somma domandata (per mutuo o surroga mutuo) è risultata pari a 124.992 euro, +1,9% rispetto allo stesso mese del 2016.

Per quanto riguarda la fascia di importo mutuo, il 29,5% dei clienti predilige il range 100-150mila euro.

Miglior mutuo online o in banca: quale scegliere

Prima di scegliere il miglior mutuo prima casa è sempre bene consultare MutuiOnline.it, il portale che permette di comparare online i migliori mutui sul mercato.

Simulando una durata mutuo di 20 anni, un importo mutuo di 115mila euro e un valore dell’immobile di 175 mila euro, vediamo dove investire oggi.

Partiamo da Intesa Sanpaolo e dal suo Mutuo Domus Fisso.

Intesa Sanpaolo offre una rata di 579,05 euro al Tan dell’1,95% (Taeg del 2,17%), con spese di istruttoria pari a 600 euro e di perizia a 320 euro.

Il miglior mutuo a tasso variabile è il mutuo online di IwBank Private Investments.

Qui la quota è di 528,88 euro (tasso dell’1% e Taeg 1,03%). Le spese di istruttoria sono le stesse di Intesa Sanpaolo e quelle di perizia sono zero.

Leggi Anche