Compilare un Assegno Circolare: Cosa Dobbiamo Sapere

Dobbiamo compilare un assegno circolare per la prima volta e non sappiamo come fare?

A volte può capitare di non sapere o di non ricordarsi come si compila un assegno circolare e, magari, dobbiamo per forza chiedere lumi a qualcuno.

Nessun problema, basta conoscere pochissime regole e compilare un assegno circolare è davvero molto semplice.

Compilare un assegno circolare: cosa bisogna scrivere

In base alla legge, ogni assegno circolare deve necessariamente contenere:

  • la denominazione di assegno circolare;
  • la somma da pagare (che deve essere scritta in numeri e lettere);
  • il nome e il cognome del beneficiario dell’assegno (se è una società, la corretta denominazione sociale);
  • la data e il luogo nel quale l’assegno circolare è stato emesso;
  • la firma della banca emittente;

Una delle maggiori preoccupazioni è la possibile alterazione dell’importo dell’assegno.

Per evitare questo inconveniente, oggi gli assegni circolari sono forniti di un quadro di controllo a cifre da annullare o perforare al momento dell’emissione.

Assegno circolare non trasferibile: come funziona

Una tipologia di assegno circolare molto usata oggi è l’assegno circolare non trasferibile.

L’assegno circolare non trasferibile contiene una clausola, detta di “non trasferibilità”.

In pratica, l’unico soggetto legittimato ad incassare l’assegno è quello che è stato espressamente indicato come beneficiario.

Oggi ogni assegno circolare è un assegno non trasferibile.

Tuttavia, quando l’importo non supera i 5mila euro, è possibile chiedere alla Banca l’esclusione della clausola di non trasferibilità.

In questo modo, il trasferimento del titolo è consentito tramite tramite girata.

Leggi Anche