Voucher INPS Addio, Stop al Referendum

Voucher INPS addio. Alla fine passa la linea più dura e i buoni per il lavoro accessorio saranno aboliti completamente.

Lo ha deciso la Commissione Lavoro della Camera, che ha votato a favore dell’emendamento che abroga gli articoli 48, 49 e 50 del Jobs Act sul lavoro accessorio.

Cosa succederà ora? I voucher saranno aboliti da subito o si avrà un periodo di transizione?

Abolizione voucher, niente referendum

Con l’eliminazione dei voucher INPS il governo ha disinnescato il pericolo referendum. In alternativa si sarebbe dovuto votare il prossimo 28 maggio.

«Avremmo voluto mantenere i voucher per le famiglie – così la relatrice Pd Patrizia Maestri – ma a seguito del confronto con il governo andremo verso l’abrogazione».

A questo punto, sarà lo stesso cdm a emettere un decreto che sancirà l’abolizione definitiva dei voucher INPS.

Il decreto conterrà anche norme per disinnescare il secondo dei quesiti proposti dalla Cgil, quello degli appalti pubblici.

Verrà infatti ristabilito il principio di solidarietà tra committente, appaltatore e subappaltatore rispetto alle prerogative dei lavoratori.

Voucher INPS addio: cosa succede ora?

Tuttavia i voucher non saranno aboliti da subito.

L’emendamento prevederà infatti un periodo transitorio che durerà fino al 31 dicembre 2017.

Fino a quel momento, coloro che hanno già acquistato i voucher potranno utilizzarli.

L’entrata in vigore del decreto sancirà, in ogni caso, lo stop alla vendita dei voucher.

Dura Confindustria: «Grave errore abolire i voucher»

L’abolizione dei voucher INPS ha fatto storcere il naso a Confindustria.

«Cancellare i voucher sarebbe un grave errore. Il governo non ceda a pressioni ingiustificate», così il vicepresidente Maurizio Stirpe.

Divise invece le rappresentanze sindacali.

«Il sistema dei voucher va cambiato, non abolito», ha detto la segretaria della Cisl Annamaria Furlan.

Soddisfatto invece il segretario di Fiom Maurizio Landini: «Se si va verso l’abrogazione dei voucher è quello che chiedevamo».

Leggi Anche