Sciopero H&M Milano: Dipendenti in Protesta Contro i Licenziamenti

Sciopero H&M a Milano sabato 10 giugno contro i licenziamenti H&M e la chiusura di quattro store in Italia.

Lo hanno deciso le organizzazioni sindacali, in aperta protesta contro i vertici dell’azienda di abbigliamento svedese.

«La strategia di H&M – afferma Filcams Cgil Milano – è quella di licenziare i lavoratori con i vecchi contratti e sostituirli con contratti a chiamata anche in vista delle nuove aperture».

Sciopero H&M sabato 10 giugno e presidio a Milano

Ricapitolando quanto accaduto finora, H&M chiude quattro punti vendita in Italia.

Le chiusure H&M riguardano due negozi a Milano, uno a Cremona e uno a Mestre.

I negozi H&M chiusi a Milano sono in corso Buenos Aires e in piazza San Babila, dove sabato si svolgerà la protesta dei lavoratori H&M.

Ma non è tutto. L’azienda ha infatti intenzione di licenziare ben 95 lavoratori, nonostante siano in arrivo nuove aperture H&M nei prossimi mesi.

A questo proposito, sabato 10 giugno tutti i lavoratori H&M sciopereranno e ci sarà un presidio dalle ore 10 alle ore 12.30 davanti al negozio di piazza San Babila.

I sindacati ritengono gravissima e ingiustificata la posizione di H&M, azienda in continua espansione con diverse aperture in programma e un bilancio chiusosi con 756 milioni di ricavi e 16 milioni di utile.

Ancora più grave, secondo Filcams Cigl Milano, l’esorbitante utilizzo di lavoratori a chiamata, che sono quasi il 30% dei dipendenti totali dell’azienda.

Leggi Anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *