Quotazioni Petrolio in Calo: OPEC Chiede più Tagli

Il prezzo del petrolio è sempre in calo e ora alcuni paesi OPEC chiedono più tagli alla produzione di greggio.

L’andamento delle quotazioni del petrolio, dopo il rialzo a seguito dell’accordo di novembre, è ora discesa per via dell’aumento della produzione negli Stati Uniti.

Come reagiranno i mercati internazionali all’invito dell’OPEC di produrre più tagli?

Quotazioni petrolio: si rimane sotto i 50 dollari

Le quotazioni petrolio sono in calo a causa di due fattori principali.

In primo luogo, tra i mercati c’è incertezza per l’aumento della produzione di shail oil negli Stati Uniti.

In secondo luogo, le trattative tra i membri OPEC e quelli che non fanno parte dell’organizzazione dei produttori sembrano andare per le lunghe.

Dopo l’accordo OPEC ratificato a Vienna lo scorso 30 novembre 2016, il prezzo del petrolio aveva superato i 50 dollari al barile.

Ora invece il prezzo del petrolio rimane saldamente sotto i 50 dollari.

Ad aprile ci sarà un nuovo vertice OPEC, con in agenda la proposta di tagliare ulteriormente la produzione di greggio.

Proposta che arriva da cinque paesi membri più l’Oman, che dell’organizzazione non fa parte.

Prezzo del petrolio, ora la Russia chiede tempo

Da registrare le recenti dichiarazioni del ministro del Petrolio del Kuwait Issam Almarzooq, che presiede tra l’altro il comitato OPEC.

«Il taglio concordato va considerato in modo molto serio», ha detto Almarzooq, aggiungendo che «occorre fare di più».

Ora però il problema è rappresentato dalla Russia.

Quest’ultima, pur non facendo parte dell’OPEC, ha aderito all’ultima intesa e ora chiede tempo prima di esprimere una decisione.

Inoltre, i mercati internazionali non sembrano credere alle ultime dichiarazioni.

Afferma l’analista Daniel Hynes: «Sui mercati c’è insofferenza, perché si continua a vedere una crescita delle scorte americane insieme all’attività di estrazione degli Usa».

E ancora: «il mercato sta sicuramente domandando un’estensione dell’accordo OPEC».

Leggi Anche